martedì, aprile 3

Tiny Trains

La prossima canzone (l'ho scritta ieri) si chiamerà "Tiny Trains", un po' in onore alla band che covererà i pezzi di Mark Zonda, e sara' il mio primo tentativo di fare un piccolo canone. L'altra particolarita' sara' che la strofa rimarrà uguale, mentre cambiera' il ritornello. E mentre la strofa parla semplicemente di destini che non si incrociano mai correndo sui binari paralleli di un trenino elettrico in chiave molto jpop, il ritornello diventa improvvisamente "i Flaming Lips reinterpretano Confortably Numb" interrognadosi sull'uso e l'abuso e l'inutilita' della parola. Questo almeno secondo le mie intenzioni :D

6 commenti:

federico ha detto...

Confortably Numb reinterpretata dai Flaming Lips è un trovata semplicemente geniale. ;)

Zonda ha detto...

Ma non è una trovata. Di Coyne sono solo i testi del ritornello. Me l'ha comunicato Coyne di

notte telepaticamente con una nuova invenzione per i suoi show: il citofono.

Che poi a pensarci bene il ritornello fa' molto anche My Morning Jacket. Mmm... Incomincia a

esserci troppa gente in questa canzone. E ancora non e' stata incisa!Al posto di "There's no

pain you are receding" parte Jim James con "Have you ever wondered.... 'bout

aaaaaaaaanimaaaaals....". E ovviamente con "Animals" Coyne si riferisce all'album dei Pink

Floyd.

federico ha detto...

Ribadisco... geniale! ;)

Zonda ha detto...

Eh! Aspetta di sentirla! La folgorazione per il ritornello, che non c'entra sinceramente un cazzo con la prima parte sui treni, mi è venuta a pranzo. Ho ingurgitato tonno emmenthal cetriolini e fagioli nel giro di pochi secondi per correre a prendere appunti...

federico ha detto...

Tonne ed emmenthal probabilmente hanno effetti psicotropi... :D

Zonda ha detto...

Non senza i cetriolini tagliati a dadini. Me l'ha detto Coyne al Citofono. (da oggi la mia nuova firma in posta elettronica)