giovedì, luglio 31

Driving in her bus



"When I got fat nobody said anything, but every summer somebody has to comment on the whiteness of my skin."

"Don't kill the clown" è' una canzone di Soda F. Rag a cui sono particolarmente affezionato. Perche è così pop, così malinconica e allo stesso tempo vitale, perchè potrebbe essere la mia canzone di S.F.R. preferita... se non fosse per il fatto che non saprei decidermi per una migliore delle altre. Sempre un piacere ascoltare Ragnild. Una cantante per tutte le stagioni, di cui però non è ancora arrivato il periodo di un giusto riconoscimento per il suo talento compositivo.

Qui il suo Maispeis, su cui è uscita da poco la sua "Go Bus Baby Go"

Ecco invece un linkino gratuito offerto da Cloudberry.

Soda Fountain Rag - Walking with my angel

PS: Ho cominciato a scrivere qui :)

martedì, luglio 29

Se fossi un Fratellis, quale pecora saresti?

Nel bene o nel male, con amici che condividevano il mio entusiasmo e persone che invece li deridevano, la mia passone per i Fratellis, un paio di anni fa, è stata pressochè istantanea. Ancora prima di conoserli e che li conoscesse la massa danzante che trasformava ogni festa in delirio quando "Chelsea Dagger" era pronta a deflagrare. Come non amare un gruppo pescato a caso dalle pagine di un Q-Magazine portato da Albion che faceva bella mostra di sè da uno spazio pubblicitario con la scrittona:"COSTELLO MUSIC"? Era amore incondizionato.

E come ho amato ogni brano dell'albume e ogni b-side.

Energia, testi ispirati, tante citazioni ma nessun brano dalla struttura prevedibile o scontata (parlo della struttura dei brani, non dei richiami a centomilamiliardi di band inglesi)

"Costello Music" è rimasto il secondo album più venduto in Inghilterra nel 2005 per tre settimane.

Esce il nuovo album. Jet, Darkness, CSS, Kaiser Chiefs, Gwen Stefani, bla bla bla. E ci si trova a chiedersi: perchè alcune persone devono per forza fare uscire un secondo album? Forse è una cosa che riesce bene solo a pochi miracolati come Arcade Fire o Pete Doerthy, o forse alcuni artistici cercano di sfondare ma, una volta stesa la rete di sicurezza con un telone protettivo con lo stendardo di una major, si sentono liberi e sereni di poter fare un album con la musica che gli piace veramente fare. E che probabilmente schifa alla maggior parte dei fan della prima ora. O meglio, per essere meno cattivi, non entusiasma come l'opera prima. Un po' come quando Tarantino si concede lo sfizio di fare film veramente d'autore come Jackie Brown, insomma.

E' cos' che, all'interno di una copertina che più pacchiana di cosi' solo Bono che fa Dr. Robert nel film dedicato ai Beatles, abbiamo episodi come "My Friend John", "A Heady Tale" e "Shameless" talmente insipidi e innocui da poter benissimo apparire in uno degli ultimi album degli Weezer.

I signori Fratellis degli esordi si scusarono per non avere avuto il tempo di curare maggiormente la produzione dell'album di esordio. Ora mi chiedo. Il nuovo non convince perchè sovra prodotto e con i cori un pochettino più intonati? O non ascolteremmo piuttosto più volentieri i brani del primo album totalmente in acustico?

Jon Fratellis, una volta assaporato il gusto della celebrità, almeno in quel di Londra, si era detto spaventato da tanto fanatismo e dall'isteria che causava la loro musica. Se l'idea era quella di placare le acque, dite a Barry e Mince di non scervellarsi a preparare un piano b.

Magari c'è chi sa fare di meglio

We Get On



Penso che questo filmato sia, tra quelli in mio possesso, superato per visite soltanto da Dendix che fa le scale sulla mia chitarra acustica (nel senso musicale del termine)

Grazie a Seek vi segnalo un altro concerto agendabile.

Ginevra di Marco @ Bagnacavallo Sabato 27 Settembre (Fate in tempo a prepararvi :) ). In Piazza della Libertà (cmq l'event last.fm è qui)

That's what you say when you want me to rock you



Segnalo due live che ritengo abbastanza interessanti:

- Sabato 23 Agosto: Tiny Tide @ Sunset Cafè (Gatteo Mare)
- Mercoledì 27 Agosto: Paolo Benvegnù @ Hanabi (Sapete dov'è)

lunedì, luglio 28

Modern

Oggi non ho fatto assolutamente un cazzo. Ho vissuto la mia giornata piu' o meno come un animale. Che dopo due giornate di mare, una serata mondana e un cinema di mezzo, per tutti i cristiani che non lavorano, e' quasi una cosa dovuta. Ma non ho avuto voglia neanche di accendere internet, mettermi dietro alla programmazione delle batterie per "Mask Me Mask Me Mask Me", masterizzare un cd. Niente. Nada. Nothing.

E dire che non mi sono svegliato neppure troppo tardi. Forse ho attivato un misterioso tasto moviolone e me ne sono accorto troppo tardi, sprecando comunque troppo tempo per cercarlo e spegnerlo. Sono andato dal tabaccaio di fiducia, ho spedito la "fabric" per Rowena (eh,si'. Noi gente moderna i pacchetti li spediamo dal tabaccaio, non dalle poste), sono andato dal caffe' di ulteriore fiducia, ma era chiuso per ristrutturazione e mi e' toccato allungarmi verso il centro, dove risiede la prima alternativa degna e decente al bar sotto restauro.

Pasta al riso e succo di frutta di arance sanguinelle. Il top.

Mangiato a sbafo, controllato posta, letto (Baustelle in sottofondo), giretto sotto il sole e il caldo che si divertiva lezioso a sciogliere il cemento, passeggiata in uno dei posti piu' tranquilli e altolocati della città, acquisto dvd e cd vuoti, ritorno a casa, fetta di cocomero, ed eccomi qua.

Dovevo mantenermi calmo, tranquillo, fresco, rilassato e pieno di energie. Questa sera ci sono le prove con i Tiny!

Il Cavaliere Oscuro


(questo quello che proiettavano all'Estragon durante il concerto degli America, mentre i due cantanti sghignazzavano)

Ma cosa si nasconde dietro la sua ombra? Il secondo film della saga di Batman parla invece molto chiaro. Il messaggio della pellicola? Maroni è il capo della Mafia.

domenica, luglio 27

Il mese + freddo dell'anno

Visto il chaos in cui hanno gettato Lost.Fm tornero' a segnalare i concerti che mi sfiziano di piu' in tempo reale. Per ora beccatevi questo riassuntino x Agosto....


August 2008
Friday 1 August 2008
sono in ferie (se non è un evento questo..)

Tiny Tide

casa mia
faenza, Italy


Saturday 2 August 2008
Sybiann

Ex-Otago

Hana-Bi
Marina di Ravenna, Ravenna (RA), Italy


Saturday 9 August 2008
Frequenze Disturbate at Piazza Duca Federico (Palazzo Ducale) e Esedra Del Teatro (Pincio)

Okkervil River, The Radio Dept., My Brightest Diamond, St. Vincent, Cristina Donà, Massimo Volume

Piazza Duca Federico (Palazzo Ducale) e Esedra Del Teatro (Pincio)
Urbino, Italy


Sunday 10 August 2008
Islands

Islands ANNULLATO

Hana-Bi
Marina di Ravenna, Ravenna (RA), Italy


Wednesday 13 August 2008
Scott Matthew - Robyn Hitchcock (stradeblu festival) at Hana-Bi

Scott Matthew, Robyn Hitchcock

Hana-Bi
Marina di Ravenna, Ravenna (RA), Italy


Thursday 14 August 2008
Pukkelpop at Kiewit

The Killers, Metallica, Bloc Party, Sigur Rós, The Flaming Lips, Iron & Wine, Stereophonics, Editors

Kiewit
Hasselt, Belgium


Friday 15 August 2008
Green Man Festival at Glanusk Park

Super Furry Animals, Iron & Wine, Badly Drawn Boy, The National, Junior Boys, Caribou, Spiritualized, Los Campesinos!

Glanusk Park
Wales, United Kingdom


SUMMER 3008


Ho fatto una piccola compilation per un'amica. Pensavo che magari interessava pure a voi :)

SUMMER 2008


1. ATLAS SOUND - RECENT BEDROOM
2. WHY? - A SKY FOR SHOEING HORSES UNDER
3. RY COODER - RIDING WITH THE BLUES
4. BARRY ADAMSON - THESE BOOTS WERE MADE FOR WALKING
5. ISLANDS - PIECED OF YOU
6. JENS LEKMAN - A POSTCARD TO NINA
7. THE DUKE SPIRIT - A WILD HOPE
8. PAUL WELLER - 22 DREAMS
9. FOXBORO HOT TUBS - RUBY ROOM
10. THE BASEBALL PROJECT - PAST TIME

EXTRA

GUNS N’ROSES - BETTER

sabato, luglio 26

Be Your Own Mixer




Mi dispiace per quelli che ieri sono venuti e ci sono rimasti male convinti di vedere un altro gruppo, ma nonostante i soliti imprevisti molto indie (una volta si diceva rocchenro') alla fine si è rivelata una serata molto divertente e bonacciona. Almeno per me :D

Gli amici Tiger! Shit! Tiger! Tiger! era da un pezzo che volevo conoscerli di persona. Li avevo gia' visti tempo fa al Bronson in azzeccatissima (azzeccatissima viene da "azza") serata post-punk. In cosi' poco tempo sono gia' molto migliorati. Figuratevi rispetto a quando Case li aveva visti ben 2 anni fa. Case! E' stata una sorpresa di persone gradite e amiche che avevo veramente piacere di rivedere ieri sera. Claudio (che ormai ha l'abonamento) ROBBIE! ("per forza non avevo messo l'attending! Con il nuovo last.fm non si capisce piu' un cazzo!!") gli altri della banda (con tanto di ospite spagnolo che non riusciva a capire cosa fosse e a cosa servisse veramente il bollino ZIAE sui cd)... ma soprattutto l'ospite d'onore da ReCannati! MR. NAAAAIS PERSSON!

Dopo una bella gaffe (del tipo che sparavo a zero su tutti con quelli del gruppo... ma i microfoni erano ancora aperti). la consegna della "Laurea in Svedesità" e le immancabili parodistiche foto "à-la-mais-pais" nei piuì reconditi lettini oscuri della spiaggia, la non apprezzata dipartita.

Serate come quelle di ieri mi piacerebbe proseguissero per tutta la serata. Non come ad esempio questa sera che si chiude in coma, assetato, a pigiare tasti.

Alla prossima ragazzuoli. Qui alcune foto.

venerdì, luglio 25

cover (me)


Vi siete mai nascosti dietro un album?
I protagonisti delle foto di questo blog, alla loro maniera, si' :)

Tinyhappy!

Io sono sempre felice quando navigo su Google e becco per caso delle recensioni del genere sui Tiny Tide :)

Correte a dare un'occhiata al blog di "(just another) Pop Song" :)

Biondi per Kazu


E' sempre bello vedere concerti a Verucchio. Sul castello, in cima al monde, una goduria. Soprattutto d'estate (avevo il mio cardigan rattaceo con me). Che ci sia Ian Tiersen a immolarsi nella stereotipicità del kitch anni ottanta o che ci si spacci per Enver o meno per entrare. Una figata.

Strapieno, fin dall'orario della presunta e richiesta puntualità, una delle cose che mi ha colpito maggiormente era che tutti i ragazzi e le ragazze presenti nelle prime file appartenevano a qualche gruppo musicale. E parlavano tutti con lo stesso tono di chi ha fatto parte per almeno una session dei Beatles.

Era la terza volta che vedevo i Blonde RedHead. Penso tra l'altro che siano stati il primo vero concerto indie che abbia mai visto in assoluto, qualche anno addietro a Rimini. Devo ammettere che nel corso del tempo sono migliorati parecchio. Non il gusto del pittoresco, tipico dei giapponesi, nel vestirsi. Kazu ci regala sempre delle minigonne bellissime, e ieri sera era piu' sexi del solito, aria cadaverica celata da un'incredibile e sensuale carica energetica sul palco e tanti capelli buttati in avanti, a celare i gap di sincronia con i playback.

Da padrona l'hanno fatta la batteria e un'acustica talmente perfetta che si sentivano a distanza i piedi dei nostri eroi tenere il tempo sulle assi di legno del palco, regalandoci a livello di esecuzione forse una delle performance più tecnicamente appaganti dell'intera stagione.

Certi brani dei Blonde poi, quasi tutti, mi sono entrati dentro, scolpendo certe zone scoperte dell'anima, e risentirli riesce sempre a toccare certe corde della mia sensibilità che non attendono altro che risuonare.

"I'm sorry",
dice Kazu rientrata sul palco per il bis dopo un'improbabilme cambio di mutande, "We're not very used to play in front of people on seats". E se te lo chiede Kazu... Neanche tre secondi e tutti erano in piedi ammassati sotto al palco.

Concerto buono per Kazu quindi, che si concentra sui playback, ma impara a suonare la chitarra. Gli altri fratellini ormai non hanno veramente più niente da farsi insegnare, per una band che ha trovato un suo sound, è riuscita a conquistare una parte e l'altra del globo terracqueo, suona bene su disco, soprattutto per 4AD, e soprattutto dal vivo è terribilmente fica da vedere.

Qui un po' di fotine...

Qui il video di Seek :)



giovedì, luglio 24

<_img_> is everything

Magliette for Geeks only

The Broken Paper-Heart Club


Chi mi ha lurkato per un certo periodo su Last.Fm avrà certamente notato la costante presenza di una canzone. Una in partioclare. Quella canzone era "The Broken Paper-Heart Club", di Princess Niko, conosciuto di sfuggita in Italia mentre accompagnava Soda Fountain Rag in tournè.

Adoro le sue canzoni, come molti artisti della Cloudberry. Hanno un sound unico che, come gia' detto in precedenza, identifico platealmente con alcune cose del movimento C86 ma - soprattutto e in modo parzialmente soggettivo - ad alcuni attisti di Trattoria Records, che a sua volta andava a ripescare alla medesima fonte di ispirazione osnora.

Bene. In occasione di un piccolo festival acustico tenutosi a Forlì mi stavo apprestando a riarrangiare la canzone per presentarla dal vivo. Avevo già pensato a realizzare ghirlande di cuori di carta da regalare ai partecipanti, in perfetto stile hula. Preseo da un attacco di correttezza etica (piaga dalla quale vengo afflitto sovente), ho chiesto a Nikolai il permesso di interpretare la canzone.

La risposta è arrivata dopo una pausa un po' sospetta, ed è stata lapidaria:"Non voglio che le mie canzoni vengano interpretate da altre persone. Le sento come mie e non possono essere cantate da altri".

L'accaduto mi ha portato a formulare due pensieri. Il primo, chiaramente cinico e disilluso, mi ha fatto pensare all'assolutizzazione del dictat al pari di uno sterminio di massa per non fare capire alò bersaglio di essere il vero obiettivo della rappresaglia. Il secondo invece lmi faceva fantasticare sull'immaginario senso romantico della vita. Le canzoni di Niko sono talmente intense, vissute e personali che farle interpretare ad altre persone sarebbe sacrilego. Come portargli via un pezzetto di vita, strappargli un ricordo, plastificargli l'anima.

A questo punto non mi rimane che sperare che Niko continui a condividere con noi la sua melodrammatica visione del mondo in puro poliestere con canzoni nuove in grado di farci vivere ogni tanto un pezzetto della sua sensibilità. Come quelle appena sfornate che potete trovare ora sul suo myspace.

Oldies but Goldies:
Princess Niko - The Broken Paper-Heart Club

mercoledì, luglio 23

Che palle

ora tocca cambiare pure soulseek!!

NOOOO!!



Yattaman. Il Film.

Psycho Therapy



Io sostengo che remixata daYasuharu Konishi sarebbe stata un capolavoro. Ancora piu' di cosi' intendo. Per alcune sonorità mi riporta alle atmosfere di...



Questa sera sono andato a provare un paio di pezzi a casa di Mic, solo chitarra e Batteria. Abbiamo provato "Total Groupie" (con qualche incomprensione su come uscire dal ritornello), "Silver Star" e "Mask Me Mask Me Mask Me". Nel mezzo scambi di ascolto tra i suoi vinili e dei cd che mi ero portato da casa (Beck, Benvegnù, Club8, Zebras e Weezer) e alcune chiacchiere tra il sensato e no. E' stato figo. Nella saletta, piena di giocattoli e pupazzi vintage, uscivano veramente dei bei suoni, forse anche grazie al suo ampli. In certe situazioni e' veramente un piacere suonare, anche se la folla è fatta di pesci rossi e cerbiatti di plastica. Bella li'.

martedì, luglio 22

Blog Painter

Se volete prendervi la briga di darci un'occhiata, come lettura estiva, ho inaugurato una rubrica per i lettori italiani nel blog dei Tiny che non sanno parlare bene bene l'Inglese XD

lunedì, luglio 21

Ossessione (Anticipata)



(Non Me lo devo assolutamente perdere. Ma da noi uscirà?)

Ossessione (Tardiva)



(Me lo devo assolutamente procurare. Ma da noi è mai uscito?)

You Look Ready


"You're even quite good at sport, and I'm quite sure...
I know
This time you're gonna win first price"

Dei Zebras avevo già parlato almeno in un paio di occasioni. Sempre grazie al più o meno consapevole aiuto di Anais sto ascoltando il loro album "Worry A Lot", che mi ero rammaricato di non trovare al loro concerto al Mattatoio.

Che dire. Un gioiellino, proprio come l'EP. Dolce, ironico e preciso nell'esecuzione. E, per darla completamente vinta a Seek, decisamente Ar.Eei.Eem.

Si sente la mancanza di un pezzo evocativo come "Cricket", presente sull'EP "New ways to risk our lives", che rimane in generale ad uno standard qualitativo leggermente migliore su tutte le linee. "The nightmare" ne rimane una pallida copia da prova generale.

Ecco alcune canzoni da frantumare lentamente nella magica macina delle vacanze estive, possibilmente in un posto piacevolmente lontano dal mondo e avventuroso.

The Zebras - You Look Ready
The Zebras - Science Competition
The Zebras - Marching

sabato, luglio 19

Might Be Stars

(o "si fa presto a fare i grossi con la Gretsch degli altri)

Poi ad un certo punto dalla spiaggia, è arrivata la sposa, accompagnata da Superman. Si erano sentiti a casa loro con il sound di Ronta, e quindi hanno pianto il bis. Che cazzo dovevamo fare? Io li avevo avvisati i Tiny che dovevamo anche pensare ad un fantaipotetico bis, ma niente! I Tiny la sera prima, al posto di ripassare "La Scaletta Infernale", pianificata da Dendrix per portare spingere il fuoco a bruciare la sabbia di Zeznatic, erano troppo presi da rivoluzionare completamente la struttura di "Silver Star", per la cui occasione avevo risfoderato una mia oldissima maglietta della famosa marca produttrice di sneakers.

Insomma: io volevo fare un brano dell'ormai fitto repertorio non proposto dove suonassimo tutti quanti, gli altri abbastanza titubanti e piu' propensi a riproporre uno dei brani gia' suonati. Vada per "Psychopath", che ormai diventa sempre piu' psicopatica ogni volta che viene interpretata. Forse non era insicurezza quella di Manuel e Dendrix, ma avevano nasato la situazione e intuito che ci voleva un brano carico.

Beh. La scena e' stata questa



Di tutto mi sarei aspettato, tranne che degli sconosciuti chiedessero ai Tiny, di spalla ai gentilissimi amici Les Fauves, un bis e si mettessero a ballare come dei matti su un brano mai sentito partorito dalla mia mente malata.

Il contesto di tutta questa storia? I Tiny Tide e i Les Fauves hanno cercato di dare il loro meglio in una godibilissima serata estiva sulla spiaggia, citando Phill Collins, "Against all Odds", e la cortesia smodata di certi addetti ai lavori (immagino che Case attenda ancora il suo sacrificio di sangue mancato, dato che un'occasione migliore di questa per giustificare la cause non si presentera' tanto facilmente). Grazie a Sissy che alla fine ha riportato un minimo di ordine e buon senso, mentre io e Paradise (come chi e'?) stavamo gia' meditando di mettere in piedi una fantaband ambient per l'occasione.


I Les sono stati psicadelissimamente meravigliosi con una precisione e cura di suoni come sempre impressionante, rimediando il meglio dallo scenario che gli si presentava (noi non facciamo testo, siamo la cosa piu' prossima ad un gruppo skiffle nel terzo millennio), coronando il sogno del fonico di montare un microfono panoramico sopra la batteria facendolo calare dal soffitto



Ringraziando Pap per essersi srobito tutte le elucubrazioni di Mic su campionati di calcio di serie c2 sudamericana, balere romagnole e i primi album di Vasco (Pap, ma che cazzo di pazienza hai?) e gli amici del Retro Pop versione estiva per averci dato un po' di spazio, vi lascio a qualche foto e filmatino a cura del Tiny Tide Fan Club.

a. Foto
b. How A PanMic Can Change Your Life
c. Tiny Tide - Go Ego Go (Lacrosse Cover)
d. Tiny Tide - Silver Star
e. Tiny Tide - Girls From Ronta
f. Tiny Tide - The Psychopath At The Club (bis)
g. Les Fauves - Live Clip Pt.1
h. Les Fauves - Live Clip Pt.2

(i miei brani Fauviani preferiti rimangono "Please Please Please", "Dildo" e "Fava Go Go Dancer")

venerdì, luglio 18

(Doin' The) Boom Boom


Back from the prove. Ci siamo concentrati soprattutto sull'unico brano nuovo che porteremo domani a Cesneatico, in apertura ai Les Fauves, tanto per gradire ribaltandone completamente la struttura. Speriamo bene. Finger crossed. Intanto voi venite numerosi e siate cosi' carini da applaudire lo stesso :P

giovedì, luglio 17

NUOVO LASTFM

MA CHE CAGATA E'!??!

mercoledì, luglio 16

Non voglio crescere

Erano semplicemente spettacolari...



2263 date e 22 anni di concerti inninterrotti. Praticamente piùn che dei mostri del rock, praticamente dei mostri! Non a caso "Spin Magazine" li voto' come seconda band migliore della storia del rock subito dopo i Beatles. Ma forse qualcuno alla EMI aveva pagato... Incredibile come sembrassero cosi' uniti da fuori e da dentro fossero totalmente incasinati tra di loro. Ma la gente vuole la festa, ecco la fottutissima festa

La Volpe e il Somaro


"Se fossimo amici mi potresti spaccare la schiena in due"

Avevano pensato a "Hunk of Shit". Invece è uscito "Donkey". Il novo album della "fu' band virtualfantoccio" CSS, che ha saputo guadagnarsi ogni briciolino di stima e rispetto meritato con impressionante album di esordio che ha fatto tendenza trascinando giacchette e frangette verso strade soft-rave e elettroniche.

Che dire: ancora una volta e' una collezione di bombette. Impossibile non scatenarsi con la miscela di chitarrina e tastierine di "Move", che ricorda quasi le prime cose di Madonna (dovremmo quindi dire "Into the move"?)

"Left Behind", il singolaccio, farebbe fiero Gig Robot D'Acciaio durante un lancio di componenti, mentre "Rat is Dead" e il suo riffettino Pixies ricroda molto da vicino le cose dei Superbus con una leggera patinatura "à-la-Belanova" (confronta con il loro ultimo singolo "1-2-3-go!")

Ma - a mio avviso - il vero capolavoro, un'allucinata e allucinante "Another One Bite The dust", rimane la sensuale "Let's Reggae All Night", con un testo che e' a dir poco un capolavoro di non-sense ambigui e disorientanti nella migliore tradizione "Seagull Screaming Kiss Her Kiss Her".

"Se fossi mio amico potremmo bere nel pomeriggio, figo no? Se fossimo amici ì, se vuoi, potresti anche pulirmi la casa. Ma solo se ci fossimo azzuffati. Sssi'!

Un piacevolissimo sophomore pop insomma, che lascia rimpiangere soltanto un po' della carica selvaggia e ignorante del primo album un po' piu' fuori dalle righe. La vecchia volpexxx ha domato il somaro.

CSS - Move
CSS - Rat is Dead (Rage)
CSS - Air Painter

Nota: Il 31 Agosto sono in Irlanda. Il 31 Agosto e' ancora estate. Ufficialmente. Portarli a fare un giro in spiaggia?

martedì, luglio 15

Obscured by Cameras


Che dire. Semplicemente un concerto meraviglioso quello dei Camera Obscura. Irreale. Una voce strepitosa e una band che pure pescando dalla piu' raffinata tradizione melodica inglese e swing non risulta mai scontata. E poi la gente. C'ERANO TUTTI, VERAMENTE TUTTI. E' stato impressionante. Quasi il compleanno della musica indie. E quante belle ragazze! (Hem!)

Mi ha fatto piacere vedere gli amici vecchi (grazie del passeggino Robbie, e per le leggende metropolitane che mi hanno rincuorato) e conoscere persone nuove (tipo infilarsi in mezzo a persone che erano state anche il giorno prima dagli Zebras a Carpi e saranno sicuramente a Frequenze ad Urbino...)

I momenti piu' emozionanti? Chiaramente la trepidazione avvertita durante l'esecuzione di "Lloyd" e un finale dreamedelico su tromba, con tutti gli strumenti accelerati e fiato rallentato, talmente emozionante da non poter certo essere a rischio di bis.

Ancora una volta una serata che mi ha fatto rendere contento di aver fatto capolino su questo pianeta in questo breve lasso di tempo.

Qui qualche foto sfuocata e scura (scommetto che Ele ha fatto di meglio)



- Filmato 1
- Filmato 2
- Filmato 3
- Filmato 4
- Filmato 5
- Filmato 6

lunedì, luglio 14

Taken away from Zebras


Ci sono delle giornate particolarmente piacevoli. E proseguimenti più o meno naturali delle medesime. E' stato il caso del termine naturale del fine settimana, con un clima veramente gradevole e accogliente, che ha reso ancora più piacevole una bella gitarella (o mazzata, a seconda dei punti di vista) in quel di Carpi e Modena. Cielo sereno, con qualche nuvola sparsa, ma clima assolutamente piacevole, che rendeva le ampie piazze del centro della città quasi mittleeuropee (o come si scrive), rese ancora più innaturali dal vivace via vai di giovani e meno giovani per le strade, molto straniante per gente che vive a ridosso della riviera, ed e' abituato vedere borghi e periferie svuotati ai primi raggi di sole.

Grazie a Seek che ha avuto la costanza di guidare fino a Carpi, al concerto che e' iniziato con un'ora utile di ritardo in barba alle code incredibili causate dalla massa di intelligentoni che avevano deciso all'unisono di fare una partenza loro pari, e come al solito al Mattatoio, che ci regala sempre delle opportunità straordinarie di vedere i gruppi più adorabili del mondo indie contro ogni legge della fisica e logica di mercato.

Gli Zebras li ho conosciuti recentemente e indirettametne grazie ad Anders Kaasen (condividevano una compilation con gli April Skies). Le loro dolci atomsfere pop c08 mi hanno subito conquiistato. Non mi aspettavo dal vivo presenza (sembrano personaggi di un cartone animato anni settanta) e capacità tecniche simili (una pulizia incredibile di 3 chitarre elettriche quasi sempre pizzicate in intrecci melodici raffinati ed inarrivabilmente jingle-jangle).

Bravissimi. Mi hanno conquistato, come il loro EP, prontamente acquistato.

Aneddoto della serata. Il pubblico voleva il bis.
Il paciuto leader del gruppo:"Ok... faremo un'altra canzone..."
E immediata, perplessa e preoccupata risposta del jarviniano bassista:"... ma noi NON ABBIAMO un'altra canzone...."

Insomma. Non solo gli Eucalipto. Buongusto musicale, umiltà e simpatia hanno messo radici anche in Australia.

Qui qualche foto


domenica, luglio 13

Modern Indie


Per me e' stata una gran bella giornata. Dalle canzoni che incontravo casualmente grazie ad uno shuffle guidato sicuramente dalla mano misteriosa di qualcuno che qualcosa ci capiva davvero, le persone che ho incontrato, e uno stato psicofisico di grazia, animato con mirabile e dolce armonia da una giornata solare che ha bruciato veramente ogni erba cattiva.

Ne e' successa di ogne. Tralasciando le beghette burocratiche, che meriterebbero veramente di essere raccontate, in quanto la sceneggiatura di un film di Boyle gli farebbero una pippa, con i Clever si sta sempre bene, sara' a causa di reciproco equilibrio fra nostra carenza di maturità e la loro propensione a volere essere meno bambocci. O semplicemente si tratta di apertura mentale e voglia di condividere musica e divertimento in un paese sempre di piu' disinteressato a cose che non siano scontate o a portata di mano. Cosi' e' stato telefonate mentre mi trovavo gia' sul posto a massacrarmi in spiaggia libera al posto di riposarmi, la stazione di Cesenatico, che non avevo mai visto, staffette in macchina carichi come muli tra Cesena, Forli', Cesenatico, Ravenna, tanti amici che sono venuti e che mi hanno veramente meravigliato, a cui voglio un bene dell'anima (mi ha fatto piacere vedere tutti, nesusno escluso, compresi Porlokko, Buccio, in fuga dall'esilio coniugale con lo Scamarcio dei Poveri, CiroAndreFabioneLaBetta, Seek, che e' sempre cosi' gentile da documentare le serate e si e' prestato ad aiutarmi a portare a casa i Clever, e tanta altra gente bella in ordine sparso), cercare un posto in cui lasciare gli strumenti tra Camping e Piadinaie, creare una toppa per la batteria di Mic, ecc ecc ecc (che sarebbe un gran bel nome per un gruppo ma anche no)

Ma le due persone che ci terrei a ringraziare di piu', oltre al Madigans, cosi' gentile da ospitarci, sono Dendrix, senza il cui aiuto ed esperienza saremmo stati veramente nel caccone, ha fatto un palco meraviglioso con l'aiuto degli altri (forse sottraendo un po' di tempo al soundcheck dei Clever, ma non e' un mondo perfetto) e Stefano dei Clever, che a sua volta e' stato l'unico a mantenere in un momento critico un po' di sobrieta', fermezza e sale nella zucca.

Insomma: io mi sono spataccato la faccia, e non vedo l'ora di bissare sabato prossimo :)

Ringraziando anche Sonia per le foto, ecco alcuni Pics and Clips :)

Era un sabato di Luglio, e hanno suonato The Clever Square e i Tiny Tide

- Alcune foto
- Video:
* The Clever Square - Girls From Ronta (Tiny Tide Cover)
* The Clever Square - Brano nuovo
* Tiny Tide - The Psychopath At The Club
* Tiny Tide - Silver Star
* Tiny Tide - Girls From Ronta
* Tiny Tide - BeachVolley Fields Forever

sabato, luglio 12

Mask


Io non appena sento la parola Mask ogni volta mi viene in mente il cartone animato. Avete presente quello americano, fine anni ottanta, con i veicoli che si trasformavano in mezzi da combattimento, a meta' ftra Transformers e J.I.Joe. Invece accade che ieri ho inciso, almeno solo chitarra e voce, un pezzo che avevo buttato sulla carta da un pezzo e ancora non avevo trovato tempo di registrare. Un'amica poi ha insistito per sentire un'anteprima.

Questa e' solo una prima bozza, e' "Febbraiocentrico", l'ispirazione e' un chiaro tributo agli Smiths, e parla di Carnevale. Almeno, dei sentimenti che puo' suscitare l'idea del carnevale. Ho parlato di una persona senza amici, paralizzata da troppa noia e successo, che chiede alla nuova fiamma di celare per un giorno la sua identità trascinandolo in una festa in grado di trasformare in luce e colori il grigiore sepolcrale delle sua vita ordinaria, prima di tornare alla normalita'.

Chiaramente l'ho incisa molto infretta e ho scazzato qualche parola.
Vi rimando al blog dei Tiny per il testo.

Questa intanto e' la demo acustica:

Tiny Tide - Mask Me Mask Me Mask Me (Acoustic Version)

venerdì, luglio 11

July

Vedi che non sono l'unico a inviare le anteprima delle canzoni sul Tubo dalla cameretta? :D



Oh! Custer (recentemente trasmessi anche da Geek Radio) sono l'ennesimo gruppo che esce su mini-cd per la mitica Cloudberry Records. Il suono, sempre C07, con batterie elettroniche, chitarra acustica e voce, si presta effettivamente ad un audience propensa ad un dream-pop molto francescano.

"October" sarebbe male, tra l'altro, come brano di Princess Nico, se arricchita con un arrangiamento un pizzico piu' elaborato di archi sintetici. Ma regge benissimo anche nella sua semplicità da demo neworderiana.

Reduci da una tourne' statiunitense in stile calorifero (scaricabile una data qui), la band tornera' in patria per un paio di concerti nelle prossimita' di Malmö e l'incisione di un nuovo ep.

La band vuole elimnare dalla faccia della terra tutta la sua prima produzione lo-fi. Noi intanto godiamocela grazie al consueto linkino della Cloudberry:

Oh! Custer - "Post"

giovedì, luglio 10

Philippino Twee


Se vi aspettate tavole da surf, tettone bisognose di creme anticellulite, un rep frenetico funky-metal, mi dispiace, siete capitati sulla pagina sbagliata. La California è inaspettabilmente scazzata. Almeno durante la stagione della raccotla delel mele. Tra le band pubblicate da Cloudberry, una menzione speciale per poesia bucolica e delicatezza spetta infatti ai più campagnoli acusticissimi e Apple Orchard, di cui segnalo la recente uscita estiva del loro "Half-Steps Toward Bright Skies" (della loro "Haymarket Recordings"), inesplicabilmente meno lo-fi del solito. The Orchids e Trembling Blue Stars sembrano essere i due inconsapevoli riferimenti principali. Un po' meno nei live, di cui vi giro volentieri una piccola clip...




Apple Orchard - The Way You Brush Your Hair Away From Your Face

mercoledì, luglio 9

Vita prima del 3.0


Ok. Ci hanno tolto anche l'ultimo brandello di vita.

Clean Prophets


Probabilmente uno dei gruppi più completi che siano apparsi nel panorama dell'indiume musicale. I La's. Che tutti dovrebbero conscere, e integrare nell'abc della cultura musicale pop-alternative assieme a Daniel Johntson e Ian McCulloch. Ancora una volta, dopo Beatles e Frankie Goes To Hollywood, Liverpool da' una bella ramazzata alla scena musicale del momento, aggiornando in chiave poppottanta l'arte povera dello skiffle, mentre tutti si davano a loop, canzoni sciocchine e tastierine elettroniche, tanto da far rivalutare la band solo nel decennio postgrunge successivo, grazie anche alle peel-sessions e l'impressionante cover dei texani "Sixpence none the richer", in tra eye-catch per Melrose-Place e rugiada olympia-pop con l'incredibile voce della suadentissima nonche' platinatissima Leigh Bingham Nash a rendere il rifacimento ancora più speciale.

Tuttavia, il primo fenomeno ad accorgersi di lui fu' proprio Top-Of-The-Moz, che si complimento' con la band direttamente dalle pagine di Melody Maker.

La mia canzone preferita, quella che mi e' rimasta nel cuore: "Timeless Melody". Mi ricorda la macchina, l'inverno, le serate indie, nottate speciali. Fate un po' voi.

Dopo aver pubblicato l'unico album in studio nel 1990, a seguito di una serie infinita di demo e bootlegs, Mike Badger sta facendo a gara con Axl Roses per vedere chi ci mette di piu' a minacciare di fare uscire il secondo famigerato album.

Una band di grande talento insomma. Forse sprecato.
Rimanendo sintonizzati su queste frequenze ci godiamo l'ennesima ristampa con tatno di extra.


The La's - Clean Prophet (Bob Andrew Mix)
(Notare l'attacco. Non vi ricorda una certa canzone ? :D)

The La's - I can't sleep
(Questa invece e' degna di "Pump It Up" o "Girls' Talk")

The La's - There She Goes (Alt Edit)

martedì, luglio 8

Vaffanculo

Ho rotto le corde sia di Chuck che Clint

lunedì, luglio 7

Who Can It Be Now?

“What’s important, what’s really important, is enjoying every day you have above the ground and trying to be as creative as you can. And in that is where I find the joy"

Ci sono dei dischi che negli anni ottanta non ho mai ascoltato. E non so se e' un peccato o potevo tranquillamente sopravvivere senza. Tra questi dischi scoperti solo recentemente, grazie a Stefano degli SpacePony, che ha associato una versione acustica di Tiny Trains ai loro, ci sono i Man at Works. Ero l'unico ad averli rimossi? Eppura bastano alcune note della raggeggiante (il raggae era IL FUTURO!!) dell'intimanilliano "Down under" e l'eitissimo ("molto anni ottanta") intro di sassofono di "Who can it be now" per riportarli subito alla mente. "Who can It be now?". Insomma... Colin Hay: chi era costui? Forse un prozio di qualche famoso DJ?


Sicuramente il ragazzo ha ritrovato parzialmente un po' di popolarita' grazie alla colonna sonora di "Garden State" e "Scrubs" (per la serie: la mafia conta). Ma c'è stato un tempo in cui i M@W venivano ricordati non solo per i loro video bizzarri e irriverenti, ma per essere stata la prima band australiana ad aver vinto un grammy award e a sfondare le scatole delle charts inglesi e amerigane.

A parte cose talmente pacchiane da rasentare il buzzurro, comunque molto piacevoli, i M@W sono stati capaci di uscire fuori anche con rare peeerle quali "Still Life", a meta' tra Marillion e Police.

Ora, la prossima volta che vi recate in autostrada, guardate quel cartello con solennità e maggiore rispetto. Se avete un po' di culo nella prossima piazzola di sosta potrebbero proprio esserci loro, proprio come annunciato dalla insegna elettronica:"MEN AT WORKS"

Attendendo una cover degli Weezer, a noi piace dimenticarceli cosi':

Musica Ribelle

Un piccolo update su date segnalazioni e concerti vari a cui mi piacerebbe (o sono obbligato per forza di cose) ad assistere


Sabato 12 Luglio 2008
Tiny Tide
Tiny TideThe Clever Square Madigans
Cesenatico

Domenica 13 Luglio 2008
The Zebras
The Zebras Mattatoio
Carpi

Lunedì 14 Luglio 2008
Camera Obscura
Camera Obscura JuLive
Bologna

Giovedì 17 Luglio 2008
Afterhours
AfterhoursJuan Mordecai Parco del Castello della Giovannina
Cento (fe)

Venerdì 18 Luglio 2008
Les Fauves
Les FauvesTiny Tide Retro Pop
Cesenatico

Mercoledì 23 Luglio 2008
Damien*
Damien*Sybiann, DJ Lappa Buenaonda
Rimini

Giovedì 24 Luglio 2008
Blonde Redhead
Blonde Redhead Verrucchio International Festival
Rimini

Venerdì 25 Luglio 2008
Björk
BjörkRicardo Villalobos Auditorium Parco della Musica
Roma

Sabato 26 Luglio 2008
Los Campesinos!
IndietracksLos Campesinos!, The Wedding Present, Comet Gain, Ballboy, The Lodger, St. Christopher, The Zebras, Milky Wimpshake, Pocketbooks, Airport Girl, Strawberry Story, The Wave Pictures, The Smittens, Roadside Poppies, Darren Hayman, Liechtenstein, The Starlets, Colin Clary, The Deirdres, Amida… Midland Railway Centre
Ripley

Sabato 9 Agosto 2008
Okkervil River
Frequenze DisturbateOkkervil River, The Radio Dept., Akron/Family, Nina Nastasia, Cristina Donà Piazza Duca Federico (Palazzo Ducale) e Esedra Del Teatro (Pincio)
Urbino

Domenica 10 Agosto 2008
Islands
Islands Hana-Bi
Marina di Ravenna, Ravenna (RA)

Mercoledì 13 Agosto 2008
Scott Matthew
Scott MatthewRobyn Hitchcock Hana-Bi
Marina di Ravenna, Ravenna (RA)

Venerdì 15 Agosto 2008
Super Furry Animals
Green Man FestivalSuper Furry Animals, Iron & Wine, Badly Drawn Boy, The National, Junior Boys, Caribou, Spiritualized, Los Campesinos!, Laura Marling, Black Mountain, Damien Jurado, Drive-By Truckers, Make Model, Nina Nastasia, Lightspeed Champion, Richard Thompson, James Yorkston and The Athletes, Fuck Buttons, Alela Diane, Little Wings… Glanusk Park
Wales

Domenica 2 Novembre 2008
Ladybird
Ladybird Mattatoio
Carpi

Mercoledì 15 Ottobre 2008
Paul Weller
Paul Weller Estragon
Bologna

The Wombats
The Wombats Estragon
Bologna

Sabato 18 Ottobre 2008
of Montreal
of Montreal Circolo degli Artisti
Roma

Calexico
Calexico Rolling Stone
Milano

Giovedì 30 Ottobre 2008
Ladybird
LadybirdTiny Tide Lego
Cesena
5 partecipanti
AirpopDjset
AAcidaSignora
seekasoul

domenica, luglio 6

This is a post. Ya?


Ieri e' stata proprio una bella seratina.
Stones of Venice, a mio avviso la migliore band di Cesena, e Maximilan Hecker. Che non conoscevo e mi ha abbastanza impressionato. Belle melodie, ottime capacità vocali, dovrebbe evitare di fare cover di Bob Dylan e tagliare meta' delle battute.

Gli Stones hanno stupito con un live set molto improvvisato e indissimo (molta della strumentazione non era completa e il tempo per il soundcheck e' stato veramente breve), ma unico, autentico, e carico di tensione positiva. Il top e' stato il finale. Dopo neanche un minuto il cantante dichiara:"Scusate. Ma e' un pezzo nuovo". Si siede in un angolo, accucciato, fissa il pavimento, tiene il tempo col piede, e gli altri proseguono. Non so quante altri musicisiti in giro hanno uno "spirito da band" del genere. Ma non e' finita. O meglio, si'. Il brano finisce, ma poi batteria e basso proseguono e parte un altro strumentale. Lui sempre li'. Piu' tardi li saluto, scambio due parole... e mi assicurano che non c'era nulla di calcolato. "Ah ma e' colpa del bassista e del batterista. A loro piace fare 'ste cose. Sono fatti cosi'". Bravissimi. Gli Stones ci hanno regalato momenti veramente autentici.

Maximilian si presenta. Dice che cantera' una canzone sua, e tutte le rimanenti sono quelle scritte dal padre. E attacca a cantare "Mr. Tambourine man".

"Volete che canti o racconti barzellette?" - "BARZELLETTE!!!", urla uno dal pubblico. (chissa' chi era...).

Meta humor prosegue. Tra le tante:"Questo brano e' dedicato a Naomi Champbell. E a sua sorella. E Natalie Portman". Poi:"Volevo ringraziare i miei genitori. Per aver deciso di fare sesso trenta anni fa'. Cosi' hanno fatto in modo che io venissi al mondo e voi poteste vedermi qui questa sera suonare. Al posto di andare in stazione a drogarvi". O anche, dopo un'ora di voce e piano:"Il mio set di solito dura molto di piu'. MI dispiace. Abbiamo solo mezz'ora. Ora faro' un brano di Lou Reed. Perche' quelli dei Velvet Underground non li so fare. Ma non e' vero! E' un brano di Paul McCartney". A quel punto, inutile dirlo, mi sono alzato dalla sedia alla stregua di Peo Pericoli ululando. E mi fa:"No. Stavo scherzando. E' proprio di Lou Reed".

Molto bravo comunque Maximilian. Un senso dell'armonia e una voce sublimi. Molto belli anche i pezzi, che a tratti mi ricordavano le cose dei Gorky. Povero che era perseguitato dalle sfighe. Prima il piano per il soundcheck, poi la tosse, poi si blocca su un passaggio di chitarra che non riesce a fare, poi gli si stacca la cinghia che tiene su' la chitarra. Due volte (forse dovrebbero farci una canzone gli Art Brut in merito). "I've lost all my self-confidence. Should I go on?". Ma certo! Applausi di incoraggiamento. Ma quando ha fatto "Questo e' un brano lento. Una canzone d'amore", e sono partiti prima i fuochi d'artificio, poi l'elicottero sopra il bagno dove si teneva il concerto, vi giuro che non ce l'ho fatta piu', e mi sono piegato dal ridere!

Notte rosa a Cesenatico inverosimile. Ho visto gente che non vedevo da una vita! La cosa bizzarra della serata era intraprendere conversazioni con sconosciuti del tipo:"Sai, devo suonare qui tra un po', e anche al Madigans. Ma non mi rocordo esattamente i giorni...". Ed erano loro a ricordarlo a me!

La marina che controllava i movimenti dei flussi di persone nei traghetti, scene alla Shindler list, strate piene di gioventu' autoctona a e no. Poi alle 2, poprio quando io e Seek cercavamo da mangiare, niente, si vaporizza tutto, gli esseri umani scompaiono dalle strade, i nell'unica piadinaia rimasta in citta'. 40 minuti di attesa per una piadina salame e fontina. Quale scusa migliore per assaporare una notte estiva in riviera? :)

A non so quando qualche filmato :)

Intanto le poche (e scurissime) foto :)

- Maximilian Soundcheck
- Stones of Venice Clip
- Maximilian Clip 1
- Maximilian Clip 2

sabato, luglio 5

In breve

SONO UFFICIALMENTE DIPENDENTE DA QUESTA CANZONE


Ogni secondo della mia vita. E' inutile. Anche se spengo lettori emmpitre e ipod riparte, continua dritta nella mia testa, passando forti dosi di carica e adrenalina in tutto il corpo. Ci sono dei gruppi che sono fighi. I MY MORNING JACKET sono DEI FIGHI! "

Vinilini. Parliamo di vinilini. Ho comprato QUESTO degli Human League.



Beh. Il primo vinile che suona come un cd!!! Impressionante!

E dato che non ero ancora riuscito a scaricarlo... mi sono pappato anche il CD di Beck "Modern Guilt". Alla faccia della crisi. Tie'.

When I Feel I'm ShoeGazing


Visto che la moda del momento sembra quella di fare la versione indie di brani che hanno segnato la storia della musica, chi ero io per non robinare questa canzone?

venerdì, luglio 4

SUMMER

Sto cercando di vendere un biglietto per Duran Duran a Ravenna il 18 Luglio. Se siete interessati ad acquistarlo scontato scrivete qui.

Io non ci andro'. Come mai? Presto detto :)


Da segnalare anche gli Stones of Venice in apertura a Maximilian Hecker, sempre al Retro Pop in veste estiva :)

Oggi poi mi e' arrivato un vinile. Finalmente un vinile che VA. Dopo Un Siouxsie and the Banshee senza bucone centrale, e "Walls come thumbling down" degli Style Council, che in realta' era un 33, mi e' andata grassa con questo qui...



I T4F sono stati talmente intelligenti da inventare un adattatore centrale al disco, su cui fare pressione per essere eliminato in caso di mangiadischi :)

AVANTISSIMI!

"Showing the seeds of love" la conosco praticamente a memoria. E' uno dei miei brani preferiti in assoluto, e rimasi molto deluso quando comprai la cassettina originale. Mi aspettavo che gli autori di "Shout" fossero praticamente i nuovi Beatles. Invece... Pero' mi regalarono la raccolta su CD per il compleanno (allora, tipo nel paleozoico, i CD erano una NOVITA' ASSOLUTA, tanto che rimane uno dei primi cd di cui sia venuto in possesso, e me la presero soltanto per passarsela tutti e copiarsela su casstta) e mi piacque molto. Mi ricordo pure che la nostra insegnante di Inglese ci fece ascoltare la canzone per fare uno studio approfondito del testo. Tipo in seconda superiore. Era proprio il primo anno che insegnava. Praticamente una bambina!

Il video molti lo trovano pacchiano. Non mi stanno particolramente simpatici i collage, ma questo, realizzato in perfetto stile Peter Gabriel vintage, mi e' rimasto proprio impresso




Nel lato b una primissima versione di "Tears Roll Down". Molto piu' bella della canzone usata anni dopo come riempitivo nella raccolta.