sabato, novembre 8

72h


"Avevo una mia teoria: se si riesce a superare la barriera delle 72 ore senza sonno, non si sente più la necessità di dormire. Tutto falso."

Settimana strana. Musicalmente parlando. Anche una bella tirata. Pensavo di andare a vedere i Supergrass, mi sono capitati gli "Oh No! Oh My!". Avrei perso un gran concerto, tanto divertimento, belle emozioni, starei digitando parole inutili davanti ad un monitor con amici, cd, magliette, ricordi e un bello spottone alla Wayne's World in meno :)

No! Oh My! | Live @ Officina 49 Pt.1
No! Oh My! | Live @ Officina 49 Pt.2
No! Oh My! | Live @ Officina 49 Pt.3
No! Oh My! | Live @ Officina 49 Pt.4

Qui alcune foto




Ieri... stessa cosa! Indeciso se andare a rivedere i Clever o andare a rivedere gli Stones, alla fine il destino ha deciso per me, sballottato da una parte all'altra del vasetto della lotteria con i bigliettini del destino. Sono usciti gli Stones of Venice. Non so come sia andata ai Clever Square, che presto comunque avro' il piacere di rivedere al Lego, ma se fossi mancato al Caffè Sinatara, ieri sera, avrei perso la migliore performance dei ragazzi di St. Egidio, Cesena.

Tutti carichissimi, circondati da amici, sempre molto spontanei e disponibili, questa volta i suoni erano veramente al top. La performance e' stata molto variegata. Ha aperto Fagio Man con alcuni brani acustici. Inaspettato, sbalorditivo. Sembrava di essere in prima fila ad uno speciale acustico con Noel Gallagher. O Liam, a piacere.

Figo vedere Nico e Carlotta accovacciati tra il pubblico, a guardarlo, intonare le canzoni e fare il tifo per lui, come se fossero semplicemente amici venuti a vedere Fagio.

"Potrebbe andare avanti per tutta la serata", faccio a Nico.
Sinceramente il genuino bassista degli Stones of Venice mi risponde:"Per me andrebbe benissimo!"

- Indovinate la prossima canzone
- WONDERWALL?
- No
- Country House?
- No. Prova ancora
- ...

Parte "Help". Uguale a come l'hanno rifatta acustica gli Oasis tanto tempo fa. (Oddio. Che impressione dire queste cose. Quando parlo degli Oasis non mi sembrano veramente passati cosi' tanti anni dai novanta... brrr....)

Gli altri raggiunfono il frontman. Subito libero e piacevole fluire di energia, che ha portato ad un finale che ha proiettato sul pubblico muro di suono da fare invidia ai lavori più recenti della già stracitata band di Manchester.

Avanti così.

Stones of Venice | Live @ Caffè Sinatra Pt.1
Stones of Venice | Live @ Caffè Sinatra Pt.2
Stones of Venice | Live @ Caffè Sinatra Pt.3
Stones of Venice | Live @ Caffè Sinatra Pt.4
Stones of Venice | Live @ Caffè Sinatra Pt.5

Qui alcune foto

2 commenti:

Porlock ha detto...

ma dai il caffè Sinatra ... ma cos'è la moda del momento ??? tutti i locali di Cesena si sono messi ad ospitare concerti ???
XDDD

Zonda ha detto...

Effettivamente. Ma mi sa che e' un caso isolato. E' stato bello comunque vedere un po' di facce diverse dal solito :)